WEB-PAROLE.IT
Google
Web
Nel Sito

Titolo
Aforismi (7)
Concorsi (5)
Criticando... (6)
Eventi (40)
Giallo-Nero (23)
Monologhi? (27)
MOSTRA D'ARTE (1)
Narrativa (35)
Poesia (357)
Saggi-altro (53)
Under14 (6)

Gli Articoli più letti

Titolo
Dipinti (27)
Foto (19)
Grafica (28)
Sculture (1)

Le Opere più viste

Titolo
Il web al femminile

Affitto e vendita case

Titolo
Autori
Copyright


Storico per mese:


Agosto 2004
Settembre 2004
Ottobre 2004
Novembre 2004
Dicembre 2004
Gennaio 2005
Febbraio 2005
Marzo 2005
Aprile 2005
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
\\ Home Page : Articolo WEB-PAROLE.IT - Angela Bonora, Una telefonata...(6)

Una telefonata...(6)

Di Angela Bonora (del 05/08/2007 @ 12:39:56, in Giallo-Nero, linkato 2055 volte)

Nero

Quella mattina ritornò a casa verso le sette.

Al porto era arrivato, da qualche giorno, un grosso mercantile e quasi tutti i marinai erano stati messi in libera uscita di sera.
Si guadagnava benino e poi quei ragazzi giovani avevano anche voglia di parlare e quindi la cosa diventava meno penosa.
Il mercantile era arrivato proprio il giorno in cui era stata uccisa Bice… che ci fosse una relazione…?

Ma cosa le veniva in mente?
L’altra sera l’istinto di segnarsi il numero di targa del cliente della Bice, ora questa supposizione…
Beh, veniva da un paese in cui il crimine era un hobby… i giallisti, scrittori di truci fatti, erano quelli che vendevano meglio… nel passato i maestri del giallo, Edgard Allan Poe, Edgard Wallace, Conan Doyle,… poi Agatha Christie e tanti altri avevano accompagnato i suoi studi superiori.

Mentre studiava era solita alternare il testo di studio con un giallo… che, quando era ancora in casa dei suoi genitori, teneva sotto al libro di testo… se no la sentivi sua madre.
Era veloce nello studio, buona testa, vari metodi per ricordare, e non avrebbe avuto bisogno di stare tutto il pomeriggio a studiare, ma sua madre questo non lo capiva e quindi sempre un altro libro sotto a quello di studio.

Le venne in mente che non aveva visto ritornare alla base la Lilly, forse le avevano domandato di rimanere anche per il giorno. A volte capitava un qualche ragazzo che aveva una giornata libera e non sapeva cosa fare, perché fuori dalla propria città. Capitava con gli agenti di commercio quando un cliente, con il quale avevano fissato un appuntamento, all’ultimo momento rimandava al giorno dopo. Non valeva la pena ritornare a casa per poi ritornare il giorno dopo e quindi la compagnia di una ragazza…

Arrivò a casa aprì il portone e un ragazzo biondo le si fece incontro:
Facciamo presto! mi manda l’ispettore Bassi la prega di farle una telefonata appena può, ma da un telefono pubblico lontano da qui, non vorremmo che i suoi protettori controllassero il suo telefono e non vorremmo che avesse dei guai. Parli in inglese. Abbiamo visto che l’altro giorno quando è uscita dal nostro commissariato, un po’ lontano, c’era appostato uno dei tizi albanesi. O l’avevano seguita oppure hanno la possibilità di essere informati dei suoi movimenti… Ed ora addio, vada su, io faccio finta di aspettare qualcuno, per fortuna che il portone non è a vetri

Andò in casa si fece la doccia, dormì un paio d’ore, tante le bastavano, poi uscì per andare all’Università, di nuovo completamente trasformata.
Avrebbe telefonato da là, c’erano tante cabine e tra una lezione e l’altra spesso telefonava a casa e quindi niente di anormale.
Allo I am Eve, Mum Bassi?”
Sì. Conosce Lilly, c’è nel suo gruppo una ragazza con questo nome?”
Yes… again?”
Purtroppo sì. di nuovo e lo  stesso metodo. Ha qualche informazione per me?”
I have the Daddy new phone number. He bought a new car for the partner Bice as the wedding gift In the port arrived a mercantile ship with a lot of sailors.”
Ho segnato il numero... cercheremo l'auto, Appena ha un’informazione mi telefoni subito, non venga qui, al telefono mi chiami Mum solo e sia più affettuosa… Grazie e attenta
Yes Mum, be quite, in the evening I stay at home for studying. A lot of kisses. Love

Alla sera erano tutte impaurite, pazze di paura:

Anche la Lilly… l’hanno trovata in un fosso… anche lei strozzata… è un serial killer… io cambio città… ma come fai con i questurini albanesi… se vogliono che lavori per loro mi debbono cambiare città… in una città dove c’è questo pericolo io non sto….”
“Ma con chi era andata la Lilly per l’ultimo appuntamento? Ve lo ricordate?”
“Eh Eve come sei curiosa, abbiamo bene da stare attente con chi vanno le altre, dobbiamo stare attente con chi ci imbarchiamo noi…”
“ Io, quando ho avuto l’ultimo cliente, ho visto che la Lilly stava trattando con un uomo di mezza età, biondo, con un’auto scura. Un cliente per niente speciale. Forse dovremmo proprio stare attenti a quei tipi lì
” disse una brunetta che era da poco con loro.

Le sere successive non capitò per fortuna niente, ma metà delle ragazze e due travestiti aveva potuto avere la possibilità di trasferirsi nelle due città più vicine.

Sul giornale Eve lesse che il serial killer continuava a colpire: due in una città furono trovate nello stesso fosso, seppe che un tipo dall’accento meridionale, montato su di un’auto scura le aveva caricate entrambe dicendo che c’era un amico che li aspettava in un bar vicino.
Le due ragazze erano state narcotizzate prima di essere uccise nel solito modo.
Dopo un paio di giorni fu la volta di Ramira un travestito brasiliano, che era nell’altra città… strano Ramira era un ragazzo/a ben messo e poi faceva arti marziali…

Telefonò a Bassi, Mum, e gli fornì le notizie che aveva raccolto dalle altre e il suo dubbio che tutte fossero state narcotizzate o che si fidassero in un qualche modo della persona che le avvicinava.
Lei con clienti nuovi non andava e si fidava poco anche di quelli, non si sa mai.

Bassi le aveva dato il numero del suo superiore, voleva parlare con lei, controllare le sue informazioni.
Gli aveva telefonato chiamandolo Grandmother, Grandma , non era stato una lunga telefonata. Tra l’altro era saltato fuori che la targa dell’auto dove era salita la Bice corrispondeva ad un’auto di un’agenzia di noleggio e anche le altre auto, per la maggior parte dovevano essere a noleggio… privacy.

Ora tutte le ragazze segnavano le targhe…, ma non potevano controllare il nome del guidatore, solo la polizia poteva avere quei dati,… iniziarono a fornire in busta anonima i numeri delle targhe alla polizia.
Per prendere un’auto a noleggio bisogna fare vedere i documenti, la patente, la carta di credito quindi doveva essere facile vedere se la stessa persona andava a noleggiare nelle tre città.

Eve, pensando a come lei si nascondeva con un abbigliamento diverso dal solito, con una parrucca, usando un macinino scassato per spostarsi, nel parlare a Mum espresse l’idea che il killer adottasse il suo metodo, mascherandosi differentemente ogni volta ed utilizzando ogni volta auto di agenzie diverse, che tra l’altro dovevano avere fiducia in lui… infatti quelle contattate non avevano dato mai nomi tra loro uguali, che non avessero segnato l’uscita di un’auto?



Articolo Articolo  Storico Storico Stampa Stampa
© Copyright 2004-2011 - Tutti i diritti sono riservati.                                                                Io uso dBlog 1.4 ® Open Source PRIVACY POLICY