WEB-PAROLE.IT
Google
Web
Nel Sito

Titolo
Aforismi (7)
Concorsi (5)
Criticando... (6)
Eventi (40)
Giallo-Nero (23)
Monologhi? (27)
MOSTRA D'ARTE (1)
Narrativa (35)
Poesia (357)
Saggi-altro (53)
Under14 (6)

Gli Articoli più letti

Titolo
Dipinti (27)
Foto (19)
Grafica (28)
Sculture (1)

Le Opere più viste

Titolo
Il web al femminile

Affitto e vendita case

Titolo
Autori
Copyright


Storico per mese:


Agosto 2004
Settembre 2004
Ottobre 2004
Novembre 2004
Dicembre 2004
Gennaio 2005
Febbraio 2005
Marzo 2005
Aprile 2005
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
\\ Home Page : Articolo WEB-PAROLE.IT - Angela Bonora: Una telefonata (7)

Una telefonata ...(7)

Di Angela Bonora (del 22/07/2007 @ 19:14:27, in Giallo-Nero, linkato 2035 volte)



 Eppure doveva essere sempre la stessa persona…un serial killer, un individuo che l’aveva a “morte” con le prostitute…
Chi poteva essere? Senz’altro un uomo.
Un uomo che conosceva l’ambiente della prostituzione, il modo di gestirsi di quelle povere donne,
il…suo modo di gestirsi…

Pure lei poteva essere una vittima, quella sua maledetta sicurezza, quel suo maledetto metodo di porre in discussione tutto poteva metterla in pericolo forse più di qualunque altra…la paura a volte salva!

Telefonò a Bassi e discusse le sue conclusioni, poi gli riferì della telefonata avuta con il capo.
Bassi le domandò se avevano parlato anche delle sue supposizioni sul travestimento, su una eventuale persona insospettabile e quando lei disse che quelle considerazioni le aveva fatte dopo la telefonata sembrò quasi sollevato…
”ah! birbone ci vuoi arrivare prima tu alla soluzione del caso!” poi si vergognò subito del suo pensiero maligno su quel giovane che per primo l’aveva trattata come un essere umano.

Continuarono il discorso, sempre in inglese da parte sua e mandando ogni tanto baci alla Mum, sul fatto di una persona insospettabile e con la possibilità di avere informazioni di prima mano:

come aveva fatto il killer a sapere che una parte delle ragazze e dei travestiti si erano spostati nelle città vicine?

come faceva a conoscere quelle città tanto bene da potersi appartare e consumare il suo “rito”? perché un “rito” era.

Qualunque criminologo l‘avrebbe confermato: un serial killer normalmente ha dentro di se un nocciolo che non si scioglie, un nocciolo antico, magari non digerito da bambino, che lo fa agire.
Un serial killer durante il “rito” entra in una diversa dimensione:
vendetta od orgasmo.

Quindi due tipi diversi potevano identificarsi nel killer:
il vendicatore che nel rito scioglieva per un attimo il nocciolo oppure il represso sessuale che solo con il rito dell’omicidio otteneva quell’orgasmo che normalmente, neppure con l’approccio con una prostituta, poteva avere.

Bassi rimase un attimo zitto e poi:
si potrebbero individuare altre tipologie, ma quelle che lei ha indicato sono le principali e le più frequenti” “mi ha fatto venire alla memoria una vecchia diceria nel nostro ambiente”
Cosa?”
“Non posso dirglielo, sono chiacchiere neppure confermate. Ci risentiamo ed attenta a non farsi prendere!”
e chiuse velocemente la telefonata.

Bassi abbassò il microfono e poi uscì dallo studio quasi di corsa: all’agente alla porta principale disse che doveva assentarsi perché gli avevano telefonato che suo zio era stato ricoverato all’ospedale….

Non prese la propria auto, ma andò da alcuni noleggiatori dai quali la polizia prendeva auto quando voleva indagare sotto copertura… e da tutti loro, in città e nelle città vicine, seppe quello che già aveva intuito.
Come lui non aveva dovuto dare informazioni, documenti per avere la prima auto a noleggio, anche un’altra persona abitualmente, con la scusa dell’azione sotto copertura, noleggiava auto o al mattino o alla sera e poi le lasciava alla stazione ferroviaria o all’aeroporto, come di solito facevano tutti.

Fare due più due con la chiacchiera fu facile. Una chiacchiera non era.
Ma tutti gli agenti dicevano la stessa frase quando erano in disaccordo con il capo: “Figlio di puttana! e per davvero, sua madre batteva sui viali da ragazza e poi si sposò

Preparò con due agenti fidati una serie di appostamenti fuori dalla casa del capo, dei pedinamenti e riuscirono a salvare proprio all’ultimo momento, prima del “rito”, una delle ragazze.
Quando lo fermarono, erano Bassi ed uno degli altri, iniziò ad inveire ed uscì di testa: “Lasciatemi! Lo debbo fare! Tutte le puttane debbono sparire! Mia madre per prima! Mi mandava in chiesa, mi faceva i predicozzi, non mi lasciava avvicinare ragazze…proprio lei?”

Bassi ritornò poi ad indagare sulla morte della madre: era stato accusato di omicidio il marito ed era morto in prigione.
Il capo era responsabile anche di quella morte…e di quante altre?

Epilogo

Bassi rivide Eve dopo quel fatto e le propose di frequentare la scuola di polizia, ne aveva la stoffa…
Eve ci fece un pensierino…e poi “sarebbe stato in contatto con quegli occhi azzurri”….



Articolo Articolo  Storico Storico Stampa Stampa
© Copyright 2004-2011 - Tutti i diritti sono riservati.                                                                Io uso dBlog 1.4 ® Open Source PRIVACY POLICY