WEB-PAROLE.IT
Google
Web
Nel Sito

Titolo
Aforismi (7)
Concorsi (5)
Criticando... (6)
Eventi (40)
Giallo-Nero (23)
Monologhi? (27)
MOSTRA D'ARTE (1)
Narrativa (35)
Poesia (357)
Saggi-altro (53)
Under14 (6)

Gli Articoli più letti

Titolo
Dipinti (27)
Foto (19)
Grafica (28)
Sculture (1)

Le Opere più viste

Titolo
Il web al femminile

Affitto e vendita case

Titolo
Autori
Copyright


Storico per mese:


Agosto 2004
Settembre 2004
Ottobre 2004
Novembre 2004
Dicembre 2004
Gennaio 2005
Febbraio 2005
Marzo 2005
Aprile 2005
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
\\ Home Page : Articolo WEB-PAROLE.IT - Giada, racconto: Storia moderna di Natale

Storia moderna di Natale

Di Giada (del 19/11/2004 @ 17:04:36, in Narrativa, linkato 2271 volte)

albero di Natale


 

Vigilia di Natale.

La città è addormentata sotto una spessa coltre di neve e... ancora nevica.

Le automobili procedono con difficoltà nella poltiglia procurando il tipico rumore, ogni tanto slittano zigzagando quasi non riconoscono la solita strada.
Le persone camminano velocemente imbacuccate nei caldi giacconi e nelle lunghe sciarpe che nascondono i volti.
Davanti al centro commerciale brilla un enorme albero di Natale.
Per fortuna trovo subito un posto libero in cui parcheggiare, sono congelata, Babbo Natale mi offre caramelle e l’entrata è invitante come un' "oasi nel deserto”.

Mi avvicino, oltrepasso le porte scorrevoli e m’investe un’ondata di tepore e di frastuono, fra i tanti suoni riesco a distinguere una canzoncina di Natale: Jingle Bells... ecco un bar, finalmente mi posso riscaldare.
Sorseggio la mia cioccolata bollente, mi guardo intorno e vedo alcune persone, per lo più anziane, sedute sulle panchine lungo le corsie del centro commerciale. C’è un tenero vecchietto: capelli bianchi e mani tremanti che cerca di scartare una caramella (di quelle offerte dal babbo Natale di prima), mentre una nonnina, dopo aver rovistato un quarto d’ora nella sua borsetta, estrae un telefono cellulare, chi l’avrebbe mai detto...
Stanno lì, poichè l'ambiente è riscaldato e impiegano il tempo guardando il via-vai.

Solo, seduto nell’ultima panchina, c’è un uomo rannicchiato nel suo giaccone marrone, capelli scuri, ha circa quaranta anni l’aspetto leggermente trascurato e, ma che fa… piange?
Mi avvicino per domandargli  cosa gli fosse successo e se avesse bisogno di aiuto, ma… è un viso familiare, dove l’ho conosciuto? Ah, ora ricordo, era quel ragazzo carino incontrato ad una festa in casa di amici comuni, cinque o sei anni fa... Mi era piaciuto subito e devo dire che anche lui mi aveva notata (visto che cercava mille pretesti per avvicinarmi), nonostante fosse accompagnato da una bella ragazza con i lunghi capelli rossi…

“Ciao, ma io ti conosco…sei Dario!?”

“Si, un momento… è vero, mi ricordo di te, ci siamo visti a casa di Gianni, quanti anni sono passati? Non frequento più quella compagnia, sai mi sono sposato…e tu?”

“No, io no, non ho ancora incontrato l’anima gemella, ma dimmi come mai sei qui da solo, la vigilia di Natale e, scusa, ma ho visto che stavi piangendo…”

“E’ stato un momento di malinconia, sai mia moglie mi ha lasciato sei mesi fa, ma non è per lei il nostro matrimonio non ha mai funzionato, ma è per mio figlio che ora vive con la madre e che io vedo raramente, poiché vivono distanti più di mille chilometri. In questa atmosfera natalizia sento molto la nostalgia del mio bambino e sono venuto qui, al centro commerciale, perché non sopportavo più il silenzio della mia casa... se penso che fra poco devo rientrare…”

Non so cosa mi stia succedendo, ma è come se non fossero passati quei cinque, sei anni, sento di conoscerlo da sempre e provo anche una grande tenerezza nel vederlo così avvilito la sera di Natale…

“Sì ti capisco, ma devi fartene una ragione, senti, mi è venuta un’idea…aspetta, faccio una telefonata…"

"Tutto a posto, sei invitato anche tu alla cena di Natale a casa d'amici, saremo una ventina, se ti va…!?”

“Accetto, volentieri, non mi sento proprio di rimanere solo questa sera…”

“Bene, ora devo fare gli ultimi acquisti, sai i regalini, ci vediamo qui alla chiusura del supermercato così andiamo insieme alla festa”.

Sono già le 22 quando arriviamo a casa degli amici, dovute presentazioni e subito ci coinvolge l’allegria che aleggia nell’aria, mescolata ai vari odorini delle pietanze provenienti dalla cucina. In un angolo del salotto troneggia il classico albero di Natale con le luci multicolori, all’angolo di fronte il televisore è acceso, ma nessuno lo guarda, mi sembra stia trasmettendo uno dei soliti film di Natale dove ci sono storie strappa lacrime e sempre a lieto fine. Il tavolino del salotto è ricoperto da vassoi con stuzzichini vari, bottiglie, bicchieri e, senza nemmeno accorgermene mi ritrovo sprofondata in una accogliente poltrona,  mentre mi gusto l’aperitivo che qualcuno ha versato; dalla mia postazione intravedo un enorme tavolo già apparecchiato con cura per la cena di mezzanotte.

In un lampo ci ritroviamo tutti seduti attorno alla tavola imbandita, i padroni di casa hanno preparato un’ottima cena, sono i migliori della compagnia in cucina (per questo se ne occupano loro, gli altri fanno la spesa).  Ognuno racconta le proprie storie: le battute sono sempre le solite, ma ridiamo lo stesso come se fossero nuove... senza dubbio ci aiuta quel bicchiere di buon vino…

Ogni tanto, senza farmi notare, do una sbirciatina a Dario. Meno male sembra si diverta... la malinconia almeno per questa sera l’ha abbandonato, ma è inevitabile... i miei amici sono troppo simpatici!
 
Non è finita, manca ancora il brindisi, ed ecco che i “soliti” agitano le bottiglie dello spumante e minacciano di stapparle orientandole su di noi, donne, fuga generale, va bene che lo spumante porta fortuna, ma è meglio non sciupare il vestito nuovo.

Auguri, spumante, panettone, regali…

Gran confusione di pacchetti che spuntano fuori del nulla, (ma dove li nascondevano) anch’io  li ho portati, una ventina, sono piccoli regalini fatti apposta per ridere.scimmiotto

Non ve l’ho ancora detto, ma prima al supermercato, ho acquistato un regalino anche per Dario. Glielo consegno, lui mi ringrazia visibilmente commosso, non se l’aspettava proprio: un simpatico scimmiotto di peluche.

Si è fatto tardi, saluti agli amici, Dario mi accompagna all’auto lasciata al parcheggio del centro commerciale e, dopo i soliti "commenti" sulla bella serata trascorsa e la promessa di risentirci ogni tanto, chissà… con un gran sorriso mi porge il pacchettino che per timidezza non mi aveva dato prima, questa volta la commossa sono io, lo apro e…
UN SIMPATICO SCIMMIOTTO DI PELUCHE!

Ci salutiamo con una fragorosa risata…

E’ la notte di Natale e... nevica ancora!



Articolo Articolo  Storico Storico Stampa Stampa
© Copyright 2004-2011 - Tutti i diritti sono riservati.                                                                Io uso dBlog 1.4 ® Open Source PRIVACY POLICY