\\ Home Page : Articolo : Stampa

Alberi Secolari II

Di Candida Lasco (del 21/06/2012 @ 06:11:29, in Poesia, linkato 1259 volte)


 

 


....poichè, oltre alle cime, sono stati recisi i tronchi degli alberi e tagliati i reparti dell'Ospedale, ho fatto una seconda edizione, più aggiornata della poesia: alberi secolari

 

 

 

Alberi sempre verdi, alberi secolari,

dal profondo del tempo voci, rumori vari;

davanti a un Ospedale una barriera al male.

Canta un uccello mentre un bimbo muore,

c'è un nido in festa e un letto di dolore.

Questi alberi annosi per un secolo ormai

han cambiato le foglie senza seccarsi mai.


Ma oggi anche gli alberi si sono ammalati,

nessuno più li guarda, e sono trascurati.

Ne han viste e ne han sentite, a dire il vero,

quando del suo Ospedale Melito andava fiero!  


Ora i tronchi recisi giacciono per terra,

come per grandi imprese antichi eroi di guerra.

Una mano implacabile, gigantesca, impietosa,

si fa strada oltre gli alberi e distrugge ogni cosa.


E taglia, e taglia, e taglia,

e taglia indisturbata

questa mano guidata

da una mente malata.

 

Un puzzle ben composto è stato smantellato:

Non più trilli d'uccellli: l'Osspedale è malato! 

Un passante distratto continua a camminare:

ha fretta, ha i suoi problemi, ha altro a cui pensare!


"Sono  cambiati i tempi  è cambiata la vita.

Perchè stare a parlarne? Facciamola finita!

Il temo, la memoria fan parte del passato:

costruiamo il presente, quello ch' è stato è stato!"


C'è la crisi economica, e gtli affari di cuore:

a nessuno interessa se l'Ospedale muore.

Forse qualcuno un giorno rileggerà la storia,

del suo Ospedale Melito celebrerà la gloria!

 

La Calabria purtroppo è in mano ai governanti

che noi abbiamo scelto: disonesti e ignoranti!  

Caro Tiberio Evoli, non ti agitare! in fondo,

tra egoismo e ingiustizia, oggi così va il mondo!  


© Copyright 2004-2011 - Tutti i diritti sono riservati.                                                                Io uso dBlog 1.4 ® Open Source PRIVACY POLICY